Ad Aiello del Sabato la “pietra di inciampo” in memoria del soldato Carmine Picariello

Il ricordo

Il pomeriggio di mercoledì 12 febbraio 2020, segnerà un momento molto importante per tutta la cittadinanza di Aiello del Sabato. Infatti, nella piazza del paese, verrà posta una “pietra di inciampo” in onore e in memoria del soldato Carmine Picariello, nato ad Aiello del Sabato nel 1909 e morto in prigionia a Bergen Belsen nel 1944.

L’evento si svolgerà con il patrocinio del Comune e grazie alla forte volontà del dirigente scolastico prof.ssa Elena Casalino, ai docenti e agli alunni
dell’I.C. di Aiello del Sabato che hanno lavorato con dedizione e impegno affinchè si potesse raggiungere questo risultato.

Alla cerimonia della posa della pietra, seguirà un incontro-dibattito presso il centro sociale “ Madre Teresa di Calcutta” di Aiello del Sabato, dove è stata allestita anche una mostra dal titolo “Il segnalibro della memoria” sulla 2^ Guerra Mondiale in Irpinia, gentilmente messa a disposizione dall’I.T.I.S. di Bagnoli Irpino, i cui studenti- sapientemente guidati dal prof. Raffaele Ficetola– hanno studiato e approfondito questo argomento, realizzando i 36 pannelli oggetto della mostra stessa.

Grande soddisfazione è stata espressa dalla prof.ssa Elena Casalino, dirigente scolastico dell’I.C. di Aiello del Sabato, dal collaboratore del D.S. e responsabile del progetto “Memoria”, prof,ssa Carmen Giordano, dal sindaco di Aiello del Sabato Ernesto Urciuoli e dal vicesindaco Sebastiano Gaeta che, insieme a tutta
l’amministrazione comunale, sono sempre pronti a sostenere le iniziative della scuola, ritenute di alto profilo culturale e morale.

Si ringrazia per la collaborazione e l’impegno profusi, il collaboratore del D.S. prof .Vincenzo Criscitiello, le Funzioni Strumentali Prof.sse Concetta Casciano e Nicoletta De Girolamo, tutti i docenti, la segreteria e il personale A.T.A. dell’I.C.

Commenti

Ti invitiamo a reastare in tema, essere costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Palazzo Tenta 39 si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.