Amore

di Luciano Arciuolo

Stavolta non voglio parlare di politica. Non è più tempo. Anzi, non è più necessario. Mi limito ad augurare agli italiani tutta la buona fortuna di cui avranno bisogno nei prossimi anni …

Né voglio parlare di Scuola, rischiando così di annoiare seriamente chi ha ancora l’ammirevole pazienza di leggere ciò che scrivo.

Oggi voglio parlare d’amore, con uno scritto vecchio di quasi vent’anni (e pubblicato nella raccolta “Nei libri” del 2010).

Parlo dell’amore dopo i quarant’anni, quando l’adolescenza è oramai lontanissima e le farfalle non mettono più da tempo lo stomaco sottosopra. Dopo i quarant’anni l’amore ha bisogno di reinventarsi continuamente, di assumere ogni giorno forme, significati e aspetti diversi. Dopo i quarant’anni si comincia ad invidiare la Luna che, da miliardi di anni, ogni sera fa l’amore con la Terra e dopo, ogni volta, prova ancora stupore e meraviglia nel guardare il proprio eterno compagno.


AMORE

***

Amore parola

ogni giorno diversa.

Amarsi

è resistere all’uso,

scoprirsi nuovo

l’un l’altro,

ricominciare.

E’ cercare nel buio

ancora ignoti percorsi.

Ridipingere stinti colori

sulle forme di sempre.

Invidiare la Luna

che di sera rinnova

il suo amplesso col mondo.

E ogni volta

assiste curiosa

all’orgasmo argentato

dell’immobile amante.

Luciano Arciuolo

(da Fuori dalla Rete, Aprile 2018, anno XII, n. 2)

fonte Fuori dalla Rete, Aprile 2018, anno XII, n. 2
Potrebbe piacerti anche

di Angelica Pallante

La pace

La poesia di Luciano Arciuolo

Dopo la festa

Commenti

Ti invitiamo a reastare in tema, essere costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Palazzo Tenta 39 si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.