Il motivo di una scelta

di Ernesto Di Mauro

Il momento storico che attraversa la sinistra, nel mondo, è di piena crisi. I partiti politici di sinistra si sgretolano e risultano inconsistenti di fronte all’evoluzione del mondo. I leader non riescono più ad attirare il consenso perché oltre ad una bella presenza, peccano di concretezza. La sinistra dovrebbe, come primo obiettivo, incarnare la lotta alle diseguaglianze. Se le diseguaglianze sociali crescono e la sinistra perde consenso, vuol dire semplicemente che essa non è più sinistra.

Una delle più grandi pecche della sinistra italiana, è l’assidua frammentanzione di essa. Dopo la rottura del PCI, ci siamo divisi in tanti micro partiti, a causa di incongruenze e pregiudizi, a volte concedetemi, anche stupidi. Viviamo, col sogno, che un giorno potremmo avere di nuovo un partito che racchiuda, sotto lo stesso tetto, tutte le anime della sinistra.

Questa crisi ha colpito anche il nostro piccolo paese, dove per anni la sinistra ha potuto contare sempre su uno zoccolo duro di 600/700 voti ed infatti alle ultime elezioni, sommando tutti i consensi vi è un decremento di circa il 40%.

Anche e soprattutto per questo motivo nasce la nostra associazione ‘’Giovane Sinistra’’, un’organizzazione politica che si pone come obiettivo di unire tutte le forze della sinistra nel nostro paese, da chi concede il proprio voto a Potere al Popolo, fino alla sinistra del Pd, passando per Leu e per i socialisti.

Ma non si riduce il tutto ad una mera compagine politica, bensì tradurremo la nostra visione del Paese in proposte concrete ed idee di sviluppo. Stiamo già lavorando ad un programma da presentare alla prossima amministrazione. Una lista di progetti ed idee che toccano i temi, secondo il nostro punto di vista, che possono essere cruciali per lo sviluppo del territorio.

Abbiamo deciso di mettere l’aggettivo ‘’giovane’’ vicino a sinistra per un motivo essenzialmente: vogliamo rimettere in piedi la nostra fazione politica e proiettarla nel futuro. E chi, se non noi giovani, padroni del nostro futuro, può compiere questo arduo compito. Infatti il potere decisionale e le cariche del consiglio direttivo, che verrà scelto dai soci il prossimo 1 luglio, rimangono nella fascia di età tra i16 e i 41 anni. Tuttavia, nelle accese assemblee che abbiamo svolto fino ad adesso, si è deliberato di aprire l’associazione anche ai più grandi, definiti senior. Una delle operazioni politiche più meschine e controproducente degli ultimi anni, è stata la ‘’rottamazione’’ di matrice renziana. Noi siamo contrari a qualsiasi tipo di discriminazione, figuratevi ad una divisione per età. La sinistra è inclusione, e non possiamo che aprire le porte a tutti coloro che condividono con noi questo sentimento: essere di sinistra. Anzi abbiamo bisogno di essere consigliati, abbiamo bisogno di capire quali sono stati gli errori fatti in passato per non ricaderci, abbiamo bisogno di essere protetti, come un fiore che sta per nascere.

Sorge spontanea la domanda, perché non vi siete candidati?

Ne abbiamo avuto la possibilità, sia come singoli che come organizzazione politica.

Ma abbiamo detto no, a tutti. I motivi che ci hanno spinto ad essere fuori da questa partita elettorale sono stati ampiamenti condivisi e la direzione che ne è uscita è stata votata all’unanimità. Posso racchiudere le diverse ragioni in un un’unica frase: non siamo pronti. Qualcuno ha definito la nostra associazione una ‘palestra dove si formerà la classe dirigente del futuro’, ed è esattamente così.

Amministrare un paese non è una passeggiata, a meno che non lo si voglia fare solo per prestigio personale. Abbiamo voglia ed interesse a metterci in gioco per il bene della comunità, ma semplicemente non è il momento. Sentiamo la necessità di prepararci, di formarci, di conoscere bene il nostro Paese, prima di buttarci in iniziative così importanti. Non ci si può inventare amministratori se non si ha prima una base personale politica, legislativa e di prospettiva.

Per noi, la politica è una cosa seria.

Associazione politica ‘’Giovane Sinistra’’

Ernesto Di Mauro

(da Fuori dalla Rete, Maggio 2018, anno XII, n. 3)


TESSERAMENTO 2018

IDEE IN CANTIERE

Commenti

Ti invitiamo a reastare in tema, essere costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Palazzo Tenta 39 si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.