La pace

di Angelica Pallante

La pace

***

Parola comune ma dal significato profondo,
pronunciata da tutti, rispettata da pochi.
Dal suo corpo scorre un rosolio dorato
che smuove le coscienze solo se impregnate.

L’invidia, l’egoismo, il potere, il denaro
seppelliti negli anfratti delle rocce lontane,
lasciano aperti i cancelli alla solidarietà,
al perdono, all’amore, alla grande umiltà.

La pace nasce con l’uomo, è voluta da Dio,
insegna l’uguaglianza, a vivere insieme,
invita a sostare stringendosi accanto,
a spezzare quel pane per un gesto grande.

Crescendo fanciulli fate un girotondo,
attaccate la bandiera sulla vetta del mondo.
I confini sono rocce che abbelliscono la terra,
sono siepi volute per aggraziare la serra.

Angelica Pallante

 (da Fuori dalla Rete, Aprile 2018, anno XII, n. 2)

fonte Fuori dalla Rete, Aprile 2018, anno XII, n. 2
Potrebbe piacerti anche

La poesia di Luciano Arciuolo

Odiami

di Luciano Arciuolo

Amore

La poesia di Luciano Arciuolo

Dopo la festa

Commenti

Ti invitiamo a reastare in tema, essere costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Palazzo Tenta 39 si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.