Molecole simili al THC della cannabis presenti nel tartufo

Lo studio (Ambientebio.it)

A chi non piacciono i tartufi? Secondo la scienza, la nostra passione è motivata dalla presenza di una molecola simile alla THC della cannabis.


La chiamano la molecola dell’estasi. In medicina è conosciuta con il nome scientifico di anandamide (parola che deriva dal sanscrito e significa appunto “estasi”). È una molecola strutturalmente molto simile alla THC presente nella cannabis e i tartufi neri la conterrebbero. Lo dice la scienza.

La scoperta, in uno studio condotto dal Campus BioMedico di Roma in partnership coni botanici dell’Università dell’Aquila, e pubblicato sulla rivista Phytochemistry. Forse è proprio il segreto della profonda passione che molti nutrono per questo alimento.

I tartufi e la molecola simile alla THC

Secondo la ricerca, quando assumiamo l’anandamide, nell’organismo vengono rilasciate delle sostanze chimiche che regalano una sensazione di benessere, migliorando l’umore.  Inoltre, secondo il coordinatore della ricerca, Mauro Maccarone, è proprio questa molecola che fa sì che i tartufi riescono ad “attrarre gli animali e spingerli a nutrirsene, di modo che le spore possano essere disseminate nell’ambiente e questo favorisca la diffusione dei tartufi stessi”.

E mentre la scienza approfondisce le sue ricerche, a prescindere che ne siamo golosi per la molecola simile alla THC o meno, a noi non resta che continuare a gustare questa prelibatezza della natura.

Ambientebio.it

Commenti

Ti invitiamo a reastare in tema, essere costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Palazzo Tenta 39 si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.