Lo chef Diego Guglielminetti protagonista alla Biennale di Venezia

Il prestigioso riconoscimento

La cucina napoletana protagonista dell’ ottantesima edizione della Mostra internazionale d’Arte Cinematografica (Biennale di Venezia).

Nella suggestiva location dell’Hollywood Celebrities Lounge, pizzaioli, chef, influencer e blogger sono stati i protagonisti della kermesse internazionale dedicata al cinema.

Le star del grande schermo hanno degustato le eccellenze della cucina partenopea e campana in un mix di innovazione e tradizione che ha conquistato tutti i palati. “Spaghetti Venezia 80”, il piatto, realizzato dallo chef Gennaro Galeotafiore, che mette assieme alcuni degli ingredienti veneti e veneziani più famosi, lo “Scarpariello” tipico piatto napoletano al quale nessuno ha saputo rinunciare e poi l’immancabile pizza regina della cucina napoletana.

Tra i protagonisti dell’area food, realizzata all’interno del Tennis Club del Lido di Venezia, anche il bagnolese Diego Guglielminetti titolare della Cooking Catering e gestore insieme alla moglie del Bar Moderno di Sant’Angelo dei Lombardi, che con la sua cucina, ormai conosciuta e apprezzata fuori dai confini campani, ha deliziato i palati delle stelle del cinema.

Per il poliedrico Diego, attualmente fra i 30 migliori chef d’Italia, l’approdo alla Biennnale di Venezia è un prestigioso riconoscimento per il suo brillante percorso intrapreso da anni nel mondo della gastronomia.

La gioia e le emozioni provate sul tappeto rosso di Venezia rimarranno impresse per parecchio tempo nella mente e nel cuore di Diego. Questa avventura è per questo giovane e brillante chef un’ occasione professionale unica che capita veramente a pochi. 

La comunità bagnolese siamo sicuri continuerà a seguire il suo percorso professionale, a noi non resta che augurargli di esaudire tutti i suoi sogni. Complimenti Diego.

Giulio Tammaro

 

Commenti

Ti invitiamo a reastare in tema, essere costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Palazzo Tenta 39 si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.