navigazione Categoria

L’angolo della poesia

Versi inediti di poeti locali, di nostri lettori, di quanti vogliono condividere l’amore per la poesia, l’emozione delle odi e delle rime dal contenuto amoroso, civile, patriottico o morale.

di Franco Arminio

Il sentimento

IL SENTIMENTO ***** Esiste un sentimento della morte che non c'entra niente col fatto che ci muore qualcuno. La morte, come l'amore, è un fiordo che entra profondamente nella carne. Alcuno hanno i porti chiusi alla morte e anche…
Leggi di più...

di Carlo DE LUCA

Gridiamo alla vita

Riceviamo e volentieri pubblichiamo i versi poetici del sig. Carlo De Luca(*) dedicati al drammatico, surreale, momento che stiamo vivendo a seguito della pandemia da Coronavirus. Un inno alla vita, all'ottimismo, una chiamata alle "armi",…
Leggi di più...

La poesia del prof. Ferdinando Rogata

Padroni del mondo

Padroni del mondo *** Padroni del mondo che avete tutto e disponete di tutto. Nulla io voglio sapere del vostro denaro che avete accumulato, né di quanto ne avrete fra un mese, niente io voglio sapere delle vostre gioie. Non voglio…
Leggi di più...

La poesia del prof. Ferdinando Rogata

L’imbroglio

L’imbroglio *** Forse mi sbaglio, ma sento una storia che puzza di imbroglio. Dove? Chi sa! Canteremo le lodi al signore, notte e giorno a tutte le ore. Staremo tutti compìti a recitare spartiti, tutti davvero pentiti più onesti…
Leggi di più...

Prof. Ferdinando Rogata

Tre Monti

Tre Monti ***** Tre monti, tre valli, tre colli sibila un poco stizzito: “signori il pranzo è finito, non so a chi dare la colpa, finita è pure la polpa, esaurito il bollito. * Di tutte le balle e le bolle dette con grande…
Leggi di più...

di Vincenzo Capone

Il mio posto felice

Di seguito riportiamo  una poesia  del giovanissimo Vincenzo Capone dedicata all’altopiano  Laceno. Con questo testo Vincenzo Capone ha partecipato aggiudicandosi il 2° posto alla XVIII edizione del Premio Nazionale di Poesia “Salvatore…
Leggi di più...

di Onorio Ruotolo

Al maestro Bucci

“Al maestro Bucci” sono i versi con cui Onorio Ruotolo omaggia il suo maestro Bellisario Bucci. Il Bucci fu il suo primo maestro negli anni dell’infanzia trascorsi a Bagnoli, ed il primo ad intuire le qualità del suo giovane discepolo.…
Leggi di più...